Aggiungi a preferiti Contatti Home Page Informazioni
Tpl Trieste > Linee > Linea 17
 
STATO E PERCORSO ATTUALE

Attiva - Autobus

P.za TOMMASEO - via Canalpiccolo - p.za Borsa - corso Italia - via S. Spiridione - via Filzi - via Milano - via Coroneo - via Fabio Severo - via Valerio -  Via VALERIO (SAN CILINO) - via Valerio - via Fabio Severo - p.za Dalmazia - via Ghega - via Roma - via Mazzini - P.za TOMMASEO

 

note:

serale feriale dopo le 21.00, e festivo, sostituita dalla linea 4

STORIA
Testo di: Dario Cafagna

Con la ristrutturazione della rete di trasporto urbano cittadina, che prese avvio il 1° gennaio 1952, le linee autofiloviarie dell’A.C.E.G.A.T., all’epoca individuate da lettere, assunsero tutte una nuova designazione numerica. In tale ambito alla linea filoviaria “B” (Piazza della Borsa – San Cilino) venne attribuito il numero “17”.
La linea “17” era, e lo sarebbe stata sempre di più fino ai nostri giorni, la linea associata all’Università, quella che portava cioè i dipendenti e i sempre più numerosi studenti alla nuova sede universitaria di Monte Valerio, aperta negli anni trenta.
Il percorso da PIAZZA DELLA BORSA proseguiva per via Roma, via Milano, via del Coroneo, via Fabio Severo, Università, SAN CILINO (ingresso ospedale psichiatrico) e viceversa. Questo è rimasto sostanzialmente invariato fino ad oggi, fatte salve le variazioni di tragitto dovute alle modifiche alla viabilità cittadina e gli spostamenti del capolinea nella zona di piazza della Borsa.
Per cominciare, il 30/11/1958, il capolinea di piazza della Borsa venne spostato in Via San Carlo, con transito per via Canalpiccolo, riva Tre Novembre, VIA SAN CARLO, piazza Verdi (era questa l’indicazione del capolinea sulle velette) e via Einaudi. Ma già il 12/09/1965 venne nuovamente posto in PIAZZA BORSA, davanti alla Camera di Commercio.
Il 30/07/1968, coerentemente con il programma di dismissione del servizio tranviario e filoviario che venne attuato a cavallo degli anni sessanta e settanta, cessò il servizio filoviario sulla linea “17”, e al posto dei filobus vi cominciarono a fare servizio gli autobus con biglietteria automatica.
Fra il 1968 ed il 1969 venne istituita la “17/”, che effettuava solamente alcune corse dirette fra la Stazione Centrale e l’Università, per favorire gli studenti provenienti da fuori città.
Il 12/12/1971, in seguito ai sensi unici di marcia introdotti in via del Coroneo e via Fabio Severo, le corse da San Cilino vennero deviate per via F.Severo - p.Dalmazia - v.Filzi - v.S.Spiridione e C.so Italia (anziché per v.Coroneo – v.Milano – v.Roma). Le corse verso s. Cilino non subirono, invece, cambiamenti.
Fra settembre ed ottobre del 1973, a causa delle modifiche alla viabilità introdotte dall’applicazione del “piano del traffico”, anche per la linea “17” intervennero alcune variazioni di percorso. Si cominciò il 05/09/1973, quando, le corse verso S.Cilino vennero instradate per c.so Italia - v.Dante - v.XXX Ottobre - v.Milano. Il successivo 10/09/1973 furono invece le corse da S.Cilino ad essere indirizzate per p.Dalmazia – v.Ghega - v.Roma - v.Mazzini - riva Tre Novembre - p.Tommaseo e Piazza della Borsa (nuovo capolinea al salvagente centrale). L’assetto definito fu raggiunto il 24/10/1973 quando le corse verso S.Cilino vennero nuovamente modificate, transitando, come adesso, per v.S.Spiridione - v.Filzi e v.Milano.
Il 1° luglio 1977, fra i provvedimenti compresi nella ristrutturazione del servizio serale dopo le ore 21.30 (quella che introdusse le linee serali “A”, “B”, “C” e “D”) la linea “17” nel serale, dopo le 21.30 venne deviata per via Cantù, per coprire il percorso della linea “14”, a sua volta soppressa in quella fascia oraria.
Il 30 luglio 1978, nell’ambito del programma di distribuzione dei titoli di viaggio esclusivamente attraverso il servizio di prevendita, cessò sulla linea “17” la distribuzione dei biglietti in vettura, con conseguente esclusione delle emettitrici.
L’08/03/1981, data in cui venne attuato un ulteriore pacchetto di provvedimenti per razionalizzare il servizio festivo, la linea “17” venne deviata per via Cantù anche nel servizio festivo, sempre per coprire il percorso della linea “14”, soppressa appunto nei giorni festivi.
L’anno successivo, il 13 settembre 1982, fu la volta della stessa linea “17” ad essere soppressa nella fascia serale dopo le ore 21.30, sostituita dalla linea “4” opportunamente prolungata in piazza della Borsa e deviata per via Cantù.
Molto più tardi, con l’entrata in vigore dell’orario estivo del 2009, il 14 giugno (data in cui vennero adottati diversi provvedimenti sulle linee di trasporto, riguardanti spesso il solo servizio estivo), la linea “17”, limitatamente ai soli giorni festivi, venne sospesa e sostituita dalla linea “4”, prolungata in piazza della Borsa e deviata per via Cantù. Il servizio festivo della “17” riprese con l’entrata in vigore dell’orario invernale e venne nuovamente sospeso con i successivi orari estivi fino al 12 settembre 2011, quando fu deciso di non riattivare la “17” festiva e mantenere la copertura del percorso da parte della linea “4” anche nell’orario invernale.
Infine, nell’estate dello stesso 2009, a causa dell’avviamento dei lavori di riqualificazione di piazza della Borsa, il capolinea della linea 17 venne spostato nella posizione attuale di piazza Tommaseo, dove è rimasto anche dopo la conclusione dei lavori.

Fonti
[1] Roberto Carmeli – Trieste in filovia – Editoriale Danubio – 1995
[2] Azienda Consorziale Trasporti, Ufficio Tecnico-amministrativo – Riepilogo storico sui percorsi di linea del trasporto pubblico a Trieste – Dicembre 1998
[3] Trieste Trasporti – Ordini di servizio
[4] Edizioni del “Il Piccolo”, quotidiano di Trieste

 

Aggiornato il: 16.12.2011

indietro - pdf percorso attuale - home page
Copyright TPLTRIESTE.IT - Versione 1.1